Lettera del Presidente


Il 2016 è stato un anno sfidante per l’economia internazionale e per quella nazionale, in contesti di mercati ancora contrastati. La ripresa in Italia si è consolidata, anche se a un ritmo ancora contenuto rispetto alla media dei principali Paesi europei. La domanda interna, alimentata dai consumi delle famiglie e gli investimenti fissi lordi ha permesso al PIL di avere un tasso di crescita leggermente superiore rispetto a quello del 2015, consentendo all’economia di stimolare una rinnovata fiducia nelle famiglie e nelle imprese. 
Alcuni elementi di criticità hanno pesato sull’andamento complessivo dell’economia internazionale. Il commercio mondiale ha subito un rallentamento nel corso del 2016 e sono emersi nuovi fattori di rischio politico, come l’ostilità crescente nei confronti della globalizzazione, le tendenze neo-protezionistiche, il costo incerto della Brexit. GGT risultati


In questo scenario, il Bilancio di esercizio, chiuso al 31 dicembre 2016, di Fondazione Fiera Milano, segna l’inizio del mandato dei nuovi Amministratori in carica per il triennio 2017-2018-2019. Con l’insediamento dei nuovi Organi Statutari lo scorso 14 settembre, i componenti del Consiglio Generale e Comitato Esecutivo in carica hanno definito, nell’ultimo trimestre 2016, il Piano Industriale 2017-2019 che delinea il percorso di sviluppo strategico della Fondazione. 

L’introduzione del nuovo Piano Industriale triennale ridisegna la missione di Fondazione Fiera Milano, che assumerà un ruolo ancora più attivo nel contesto economico milanese e nazionale, che impone maggiore competitività ed innovazione al settore fieristico.

Fondazione Fiera vuole porsi come azionista propositivo della controllata Fiera Milano Spa e come investitore di lungo termine, assumendo un ruolo proattivo finalizzato allo sviluppo del territorio in accordo con gli stakeholder, coerentemente con le finalità statutarie. Ciò consentirà nel triennio 2017-2019 una serie di investimenti che andranno ad aumentare la competitività internazionale delle infrastrutture fieristico-congressuali milanesi – elemento di forte attrattività per Milano - e a valorizzare il ruolo di Fondazione nel territorio con interventi in settori selezionati. Le risorse e gli investimenti verranno canalizzati verso iniziative a sostegno dell’interesse del sistema fieristico e di quello economico generale con delle linee guida molto precise, che prevedono lo sviluppo di una strategia finanziaria sostenibile, il potenziamento delle competenze, dell’organizzazione e delle procedure come strumento di efficienza gestionale e infine l’analisi del portafoglio investimenti.

Fondazione interverrà in settori selezionati, quali: accessibilità e mobilità, energie rinnovabili, tecnologia e ICT, innovazione e R&D, arte-cultura-sport e turismo. Ogni investimento sarà valutato in base alla positività dell’impatto sull’economia del territorio e alla sostenibilità economico-finanziaria e al miglioramento dell’attività di Fiera Milano.

Nel ruolo di azionista, Fondazione Fiera ha ridisegnato la nuova governance della controllata Fiera Milano Spa, con il rinnovo totale del Consiglio di Amministrazione, composto da amministratori tutti indipendenti e scelti con criteri di professionalità e di competenza settoriale. Inoltre, pur non esercitando direzione e coordinamento, Fondazione ha contribuito al miglioramento del sistema delle procedure aziendali di Fiera Milano Spa, per una maggiore trasparenza e responsabilizzazione gestionale. Tali interventi si sono resi necessari anche a seguito delle misure giudiziarie riguardante il settore approvvigionamento degli allestimenti di Fiera Milano Spa Inoltre, attraverso la proposta di modifiche nello Statuto,

Fondazione ha voluto adeguare il modello di corporate governance di Fiera Milano Spa alle best practice di settore e alle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina delle società quotate di Borsa Italiana, rafforzando i requisiti dei componenti degli organi sociali, chiarendo i compiti, le attribuzioni e i ruoli dei membri dell’organo gestorio, dell’organo di controllo e dei principali esponenti apicali di Fiera Milano Spa.

In questa nuova e più ampia prospettiva strategica, l’impegno degli Amministratori di Fondazione è quello di realizzare gli obiettivi del nuovo Piano, al servizio dello sviluppo e della crescita del sistema fieristico milanese e del Paese.

Giovanni Gorno Tempini

 

Sfoglia il Bilancio di esercizio 2016

3,8

 

Risultato lordo

1,7

 

Risultato netto

948,6

 

Capitale investito

656,5

 
Patrimonio netto