09giugno2010

Nel pieno rispetto dei tempi a fine luglio la consegna della nuova sede utilizzata anche dal Gruppo Fiera Milano

Rho, 8 giugno 2010 – Due corpi di fabbrica di 13 piani con una superficie lorda di pavimento di circa 21.000 metri quadrati raccolti in un unico complesso edilizio alto oltre 50 metri, lungo 132 e largo 16. Sono solo alcuni dei grandi numeri che caratterizzano la Torre Orizzontale “cresciuta” in poco più di 15 mesi a fieramilano, in prossimità dell’ingresso di Porta Est, a poche decine di metri dal capolinea della MM 1 – Linea rossa, della stazione ferroviaria ad esso collegata e dell’uscita dell’ A4 Milano –Torino.

Una parte dell’edificio ospiterà in un’unica sede integrata anche le strutture direzionali delle società consociate di Fiera Milano SpA, attualmente dislocate in sedi diverse. Una parte invece è a disposizione di potenziali affittuari, la cui ricerca è stata assegnata in co-Agency a Pirelli RE Agency e Savills in qualità di advisor. Progettata dagli architetti Alfonso Femìa e Gianluca Peluffo dello studio 5+1AA con Jean Baptiste Pietri e la consulenza specialistica di AI Engineering e Iquadro, la nuova opera, finanziata da Fondazione Fiera Milano sulla base dei programmi di investimento immobiliare e infrastrutturale pianificati negli anni scorsi e in corso di completamento, è stata realizzata in tempi record da Italiana Costruzioni e Stahlbau Pichler per le facciate, e sarà pronta per la fine del mese di luglio, nel pieno rispetto dei tempi previsti.

La Torre Orizzontale verrà certificata in classe energeticaA, grazie ai requisiti passivi della costruzione, ad un alto grado di efficienza distributiva ed energetica e ad un basso fattore di impatto ambientale. Sul fronte della sostenibilità, le soluzioni adottate saranno finalizzate a ridurre i consumi d’acqua ed energia, impiegando al massimo le fonti rinnovabili, ma anche a migliorare le condizioni di benessere degli occupanti dal punto di vista termico, acustico, visivo e di completa fruizione degli spazi.

Sostanzialmente la struttura orizzontale della Torre si stratifica attraverso tre spazi: il basamento, l’interpiano del quinto piano con una doppia altezza e il grande tetto giardino all’ultimo piano. L’edificio è caratterizzato da un cromatismo oro che va dal vetro al fibrocemento e sarà in grado, con ogni tipologia di luce e in ogni situazione, di essere fortemente cangiante nelle diverse ore del giorno e nei diversi giorni dell’anno.

La Torre è dotata inoltre di un’elisuperficie circolare in copertura dell’edificio, del diametro di 25 metri, per l’atterraggio di elicotteri di grandi dimensioni (tipo AW 139 con peso massimo al decollo di 6.400 kg). Alla base della Torre sono previsti parcheggi per circa 200 auto, e posteggi a servizio dei clienti Fiera per 4 autobus, 100 taxi e 700 moto.
La Torre Orizzontale si inserisce in quello che si può ormai considerare a pieno titolo un “parco delle architetture” che annovera il quartiere espositivo di Massimiliano Fuksas, i parcheggi di Mario Bellini, le torri albergo di Dominique Perrault, e il sistema del verde pubblico di Andreas Kipar.